10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

L’entrata in chiesa, dalle regole di galateo alle più belle navate di Napoli

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Una delle scelte più belle per coronare il proprio matrimonio, riguarda la chiesa e le tante opzioni che la nostra bella Regione sa regalare. Una bella navata, è sicuramente un primo elemento irrinunciabile per un ingresso trionfale della sposa e per un rito che prevede alcune piccole regole di galateo da seguire da parte di tutti i partecipanti. Quali sono le più belle navate? Noi ne abbiamo selezionate 4 nella città di Napoli (ma niente paura, seguiranno anche altre fantastiche classifiche sulle chiese più belle in Campania).

Regole di galateo per l’entrata in chiesa degli sposi

Prima di svelare la nostra speciale classica delle più belle chiese di Napoli e del perché puntare ad una bella navata, alcune regole di galateo per valorizzare al meglio la propria scelta:

  • Lo sposo. Quando si pensa al matrimonio, si considera solo l’ingresso dello sposa e del suo percorso durante la navata. Ebbene, la tradizione napoletana prevede alcune importanti regole di galateo anche per lo sposo. Quest’ultimo, deve arrivare in chiesa almeno 20 minuti prima dell’inizio fissato del rito matrimoniale e accogliere gli invitati.
  • Disposizione degli invitati. Anche la disposizione degli invitati segue delle regole ben precise e soprattutto, sono collegate alla relazione con gli sposi. E’ buona abitudine, collocare gli invitati dello sposo sulla parte destra della navata e gli invitati della sposa sulla parte sinistra della navata.
  • Sposa. Il ritardo della sposa è un rito immancabile in ogni cerimonia e in genere non deve superare i 15 minuti. All’ingresso nella chiesa, inoltre, dovrà acquisire un passo lento e guardare sempre in direzione dello sposo durante tutto il percorso sulla navata.

Ed è qui che entra in gioco l’importanza della navata, poiché se di maggiori dimensioni, ne permette una andatura più semplice e senza intralciare il movimento anche del velo. La sposa, dovrà poi collocarsi alla sinistra del suo sposo.

Dal Duomo di Napoli alla Basilica Reale Pontificia di San Francesco di Paola, le più belle chiese di Napoli

Bene ora che abbiamo raccontato alcune delle più belle usanze di Napoli (e in generale della Regione Campania) siamo pronti a svelarvi la nostra speciale classifica delle 4 chiese più belle e con una navata unica.

Ovviamente nella classifica e nelle primissime posizioni, il Duomo di Napoli. La navata centrale è larga circa 15 metri ed è tra le più affascinanti della città. Costruita su iniziativa del re Carlo II D’Angiò in onore della Maria Assunta, è ad oggi anche importante per il rito del sangue di San Gennaro. Realizzata nel XIII secolo, è uno dei simboli dello stile gotico e con affreschi che lasciano senza parole alla sua vista.

In alta posizione tra le chiese più belle di Napoli, la Basilica Reale Pontificia di San Francesco di Paola. Realizzata per opera di Ferdinando I delle due Sicilie, presenta un accesso tra i più eleganti con una piccola scalinata in marmo di Carrara e ovviamente una fantastica navata che la sposa potrà percorrere per raggiungere il suo sposo e dare inizio ad una cerimonia suggestiva tra le bellissime statue della Basilica.

Basilica di Santa Chiara e dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio a Capodimonte

Al terzo posto nella classifica delle più belle chiese di Napoli per un matrimonio, la Basilica di Santa Chiara nel centro storico. Roberto D’angio, ne ordinò la realizzazione nel XIV secolo per uno stile gotico provenzale che contraddistingue ancora ad oggi la sua bellezza. Punto di forza della Basilica, la sua navata con una lunghezza molto importante di circa 100 metri.

Al quarto posto e ultimo posto, la Basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio a Capodimonte. La sua realizzazione avviene nel XX secolo e con un modello che ricorda moltissimo la basilica di San Pietro a Roma. Molto belli anche gli interni, con mosaici e quadri donati da altre strutture andate distrutte durante il terremoto in Irpinia del 1980.

 

Leggi anche