10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

La fiorentina Corredo: un nome, una garanzia

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La manifattura fiorentina ha fatto di Firenze è luogo più popolarmente conosciuto per la qualità degli oggetti che presenta. Ed è proprio da questa tradizione consolidata che nasce la fiorentina Corredo, che detta mode e rimanda a tradizioni nella realizzazione dei corredi più belli. Detto questo, per chiunque voglia realizzare il perfetto Corredo impreziosendolo di elementi che rimandino a fiorentina corredo, cosa può dirsi davvero irrinunciabile?

La dote della sposa: il perfetto Corredo

Sin dai primi del Novecento le famiglie delle coppie che decidevano di convolare a nozze, prima di farli unire in matrimonio, stipulavano in forma scritta i “capitoli matrimoniali”, per la “sicurezza della dote, del dotante, della sposa, e dei figli che da quello saranno per nascere…”. Con questo antico atto, risalente al diritto longobardo, la famiglia della sposa concordava e quantificava con il futuro sposo la dote e il corredo, che era costituita da case, terreni, proprietà, argenti ecc. o da denaro contante. La dote era un bagaglio indispensabile e obbligatorio per la sposa e un onere necessario per padri e fratelli: non averla era per una donna una vera e propria tragedia, un ostacolo nel trovare un marito. Ovviamente la dote era proporzionata alle possibilità della famiglia della sposa e allo status sociale dello sposo a cui veniva concessa. Dopo le nozze la dote non diventava di proprietà dello sposo ma era da lui soltanto gestita: alla sua morte la dote veniva restituita alla moglie che da quel momento era libera di disporne. Se invece moriva prima la moglie, senza aver messo al mondo dei figli, il marito era tenuto a restituire la dote alla famiglia della sposa. In realtà anche il marito era tenuto a dare alla moglie una “controdote” e un mantenimento che dovevano servire alla moglie per far fronte ai suoi bisogni. Prima della celebrazione del matrimonio, la descrizione dettagliata e il valore totale della dote e del corredo matrimoniale erano oggetto di un atto davanti al notaio che conteneva:

  • la promessa di matrimonio;
  • la costituzione della dote e degli assegni maritali;
  • la rinunzia della donna a pretese ereditarie sui beni della sua famiglia, anche se questa parte era facoltativa.

Spesso ai capitoli matrimoniali era annesso un elenco compilato a mano da una persona di famiglia o amica, capace di scrivere, dove erano riepilogati i beni in tessuti, mobili, oggetti di casa e, insomma, il Corredo assegnati alla sposa. Oggi però le cose si presentano molto diversamente poichè è data libera scelta alla sposa di decidere tutto quello che ritiene più idoneo alla costruzione del proprio Corredo e, quindi della propria dote, e anche il concetto di dote viene a mancare dando sempre più spazio all’idea di una serie di elementi essenziali per la propria abitazioni, come trapunte,lenzuola e cuscini, scelti e pagati però da entrambi i coniugi.

Di cosa non si può fare a meno?

La fiorentina Corredo tende ad indicare degli elementi che possono dirsi irrinunciabili per un Corredo che si rispetti. Oggi rimane nelle tradizioni di famiglia il voler far dono ai futuri sposi di lenzuola, asciugamani e tovaglie, sia nuove che facenti parte di un antico corredo tramandato da generazioni, per aiutarli nelle spese da affrontare per la nuova casa. A differenza del passato, dove un corredo abbondantissimo era giustificato dal fatto di non poter fare spesso i bucati, per cui si necessitava di tanti ricambi e da spazi della casa molto ampi, oggi prima di scegliere la biancheria sarà necessario tener conto non solo dello stile dell’arredamento, ma anche della capienza della casa e degli armadi. In passato infatti, un corredo era composto da una parte per la casa ed una personale. In una famiglia borghese, ad esempio, il corredo per la casa era generalmente costituito da 24 lenzuoli doppi di puro lino ricamati a mano, 24 semplici, 36 coppie di federe, 12 asciugamani di tela d’Olanda più 6 per gli ospiti, 12 tovaglie d’organza più 6 per tutti i giorni e così via. La parte personale invece contemplava capi di biancheria, camicie da notte di seta, camicie di tela, mantelle, fazzoletti e via dicendo. Oggi invece gli elementi del Corredo tendono ad essere scelti soprattutto  in base ai gusti. Vi consigliamo quindi di scegliere, già durante il periodo del fidanzamento, quattro o cinque paia di lenzuola, di cui due più pregiate, tre o quattro tovaglie “importanti”, ma almeno altrettante da usare tutti i giorni, biancheria da bagno preferibilmente in spugna, perchè più pratica, coordinata con i colori del bagno. Pertanto un Corredo “moderno” si compone oggi di:

  • Camera da letto: Per avere un buon corredo sono sufficienti quattro o cinque paia di lenzuola, con federe, da scegliere secondo i propri gusti. I grandi marchi le propongono colorate o stampate in varie fantasie, in passato si usavano di lino bianche ricamate. Almeno una parure sceglietela in lino oppure in seta. Le coperte di lana, sono necessarie se non ricorrete ai piumini d’oca, oggi sempre più utilizzati. Se optate per il piumino, dovrete comprare dei copri piumini con federe. Per l’estate, non fatevi mancare dei copriletto, con colori coordinati alla biancheria.
  • Cucina: La biancheria da cucina necessita di quattro tovaglie per ogni giorno e almeno due eleganti e ricamate di lino complete di tovaglioli. I centrini non sono apprezzati da tutte le spose, se vi piacciono sceglietene alcuni da sistemare in salotto o sui comodini della camera da letto. Infine, asciugapiatti, strofinacci di lino o cotone, presine e guanti forno.
  • Bagno: I set da bagno si trovano per tutti i gusti: dal lino alla spugna più o meno soffice ed assorbente.Bastano otto asciugamani grandi e otto piccoli, più 2 asciugamani per gli ospiti. Completate gli acquisti con due accappatoi ed eventualmente dei teli da bagno.
  • Biancheria: Gli armadi e i cassetti che custodiranno la vostra biancheria dovranno avere, al loro interno, dei sacchetti anti tarme e, se vi piacciono, dei gradevoli profumatori. Periodicamente tirate fuori tutti i pezzi, in modo che prendano aria.

Il corredo sposa è essenziale per qualsiasi donna debba sposarsi, e fiorentina corredi propone tutta una serie di elementi che faranno del vostro corredo una collezione unica ed inimitabile.

 

 

Leggi anche