10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

Cucina: come scegliere un’insalatiera?

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Quando si decide di abitare in una nuova casa si necessita di acquistare una serie di elementi che hanno delle funzionalità: una trapunta per la camera da letto, dei cuscini per il divano, una batteria di pentole per cucinare, un set di asciugamani per il bagno. Presi per questo dalla moltitudine di oggetti che sono utili in una nuova abitazione, può capitare che ci si dimentichi di alcuni elementi altrettanto utili. Tra questi, l’insalatiera che è essenziale se, quando si invitano gli amici a cena, si vogliono servire delle belle insalate come gustoso contorno per le proprie pietanze. Ma come scegliere quella migliore? Nell’ articolo ci occuperemo proprio di questo, basandoci su tre parole chiave che sono: utilizzo, materiale, stile.

Utilizzo

L’insalatiera serve a contenere l’insalata, come espressamente indicativo nel nome. Le insalate infatti potrebbero essere servite in porzioni in appositi piattini, ma prima di ciò deve essere condita, e siccome di solito l’insalata ha un volume abbastanza importante, si è dato necessario costruire un attrezzo apposito per questa funzione. L’insalatiera ha una forma concava e allargata ideale per contenere cibi solidi conditi però con alimenti liquidi.

Materiale

Le insalatiere in commercio possono essere fabbricate in diversi materiali. Quelli più comuni in commercio sono:

  • acciaio inox: le insalatiere in acciaio inox sono particolarmente preferite perchè inossidabili e sono facilmente lavabili in lavastoviglie o a mano senza che per questo si deteriorino.
  • ceramica: le insalatiere in ceramica sono preferite perchè, nonostante la delicatezza del materiale, sono comunque molto resistenti.
  • cristallo: le insalatiere in cristallo sono molto più comuni di quanto si pensi ma non sono utilizzate quotidianamente poichè il materiale di cui sono composte è molto fragile e tende a rompersi facilmente.
  • legno: esistono insalatiere in legno che però sono utilizzate solo in determinati contesti, come un pranzo all’aperto o in giardino, poichè nonostante la facilità con cui si riescono a lavare tendono a conservare gli odori a causa delle fibre del legno.

Stile

Al pari di un qualsiasi altro elemento, anche l’insalatiera viene oggi scelta in base a quelle che sono le caratteristiche del proprio arredamento: se ad esempio si è scelto di arredare la propria cucina optando per colori freddi e seguendo i dettami del moderno più puro che rasenta quasi il minimal, una insalatiera in acciaio è la scelta più giusta, mentre se invece la propria casa è arredata secondo uno stile sobrio e formale, meglio scegliere insalatiere in ceramica o in cristallo che si abbinano perfettamente con il design della propria casa.

Sembrerà banale, ma anche la scelta di una insalatiera può comportare dei dubbi. Speriamo di essere riusciti nell’articolo a dare degli utili consigli a tutti coloro che hanno in programma di comprare questo utile oggetto.

Leggi anche