10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

Portatovaglioli: guida alla scelta

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Il portatovaglioli forse è vero: non è la prima cosa a cui si pensa quando si scelgono gli elementi utili ad imbandire la propria tavola. Tuttavia questi accessori servono a tenere la tavola apparecchiata più in ordine, rendendo a portata di mano qualcosa che serve ad ogni commensale ma non solo questo: possono rappresentare infatti anche un elemento decorativo della tavola contribuendo, a seconda delle fattezze, a renderla più elegante, più colorata o più sbarazzina. Possiamo allora trattare dei portatovaglioli in questo articolo aiutandoci con alcune parole-chiave:

  • Utilizzo
  • Materiale
  • Stile

Utilizzo

La funzione che è chiamato a svolgere un portatovaglioli è quella di tenere ordinati i tovaglioli su una tavola imbandita. La loro praticità sta nel fatto che molto spesso, quando si cena ad esempio e si è deciso di utilizzare tovaglioli non di stoffa, ogni commensale può avere la necessità di utilizzare più tovaglioli e, pertanto, grazie al portatovaglioli possono servirsi senza la fastidiosa necessità di allontanarsi dalla tavola. Ovviamente la tipologia di portatovaglioli che si può scegliere varia molto in base all’ utilizzo che si è deciso di farne: difatti sarebbe opportuno procurarsi almeno due portatovaglioli, uno da usare quotidianamente e un altro invece da utilizzare in occasioni speciali. Pertanto si evince che il portatovaglioli da utilizzare quotidianamente deve essere resistente, pratico e maneggevole mentre per portatovaglioli da utilizzare in occasioni speciali si ritiene essenziale fare una scelta che valorizzi l’eleganza dell’oggetto.

Materiale

Si crede consequenziale che alla scelta della finalità di utilizzo del portatovaglioli si decida per un tipo di materiale anzichè che per un altro. I materiali maggiormente utilizzati per la realizzazione di portatovaglioli sono:

  1. Acciaio e altri metalli. I portatovaglioli costruiti in questa tipologia di materiali sono particolarmente resistenti all’usura nel tempo, al deterioramento e agli urti. Per le loro caratteristiche sono quindi comunemente utilizzati quotidianamente nonchè adatti anche ad usi esterni, come ad esempio durante braciate o pick-nick.
  2. Ceramica e porcellana. I portatovaglioli costruiti in questa tipologia di materiali sono particolarmente delicati, poco resistenti agli urti, deteriorabili nel tempo ma molto eleganti. Per le loro caratteristiche sono pertanto utilizzati durante occasioni speciali volti a rendere ancora più sofisticata la propria tavola.
  3. Materie plastiche. I portatovaglioli costruiti in questa tipologia di materiali sono molto versatili, poichè possono addizionare resistenza ed eleganza in un unico elemento. Non è difatto difficile trovare portatovaglioli in plastica adatti ad un uso quotidiano nè trovarne altri le cui fattezze si adattano facilmente ad adornare tavole lussuose.
  4. Argento. I portatovaglioli in argento sono meno rari di quanto ci si possa aspettare, però si differenziano dalle tipologie osservate finora nella loro finalità: solitamente infatti i portatovaglioli in argento consistono in anelli, più o meno decorati, volti ad avvolgere un unico tovagliolo di stoffa.
  5. Vetro. I portatovaglioli in vetro possono adornare sia le tavole quotidianamente apparecchiate sia quelle imbandite durante occasioni speciali: questo perchè il vetro connubia in sè resistenza ed eleganza, rendendosi adatto ad ogni contesto.
  6. Altri materiali. I portatovaglioli possono essere costruiti in legno e adattarsi a tavole dallo stile country ad esempio, o ancora possiamo trovare portatovaglioli in stoffa adattabili a qualsiasi contesto.

Stile

La parola d’ordine da ripetersi quando ci si accinge a comprare complementi d’arredo è solo una: dettagli. La cura dei particolari è difatti essenziale se si vuole ricreare un ambiente armonioso i cui complementi d’arredo seguono tutti il medesimo stile o almeno siano en pendant tra di loro. Pertanto anche il design del portatovaglioli dovrebbe sottostare a questa scelta: se si è deciso per un arredamento dalle linee assai moderne e dai colori freddi (bianco, nero, grigio) sarebbe opportuno scegliere portatovaglioli dalle fattezze squadrate e decise, in metallo o in plastica laccata; se si è optato per un arredamento rustico invece, sarebbe giusto scegliere dei portatovaglioli in legno; se la scelta è ricaduta su un arredamento il cui colore dominante è il rosso si potrebbe scegliere un portatovaglioli nella stessa tonalità di rosso o in un colore a contrasto, preferendo il vetro spesso o una materia plastica. Inoltre è utile scegliere dei portatovaglioli che si adattino non solo all’arredamento ma anche alla tavola: se ad esempio si è optato per l’acquisto di una tovaglia dai colori tenui è bene scegliere un portatovaglioli dai colori e dalle fattezze che si adattino ad essa.

Gli elementi da considerare nella scelta del portatovaglioli sono diversi. Sembrerà banale, ma non basta solo sottostare alle proprie preferenze: bisogna scegliere in base alle finalità di utilizzo dell’oggetto. Speriamo allora di essere riusciti a fornire utili consigli sull’argomento.

 

 

Leggi anche