10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

Serenata napoletana, una tradizione immancabile per festeggiare gli sposi

musica

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Tutte le spose desiderano questo romantico momento e non possono rinunciare alla bellezza di una tradizione intramontabile come la serenata. Tale rito, infatti, non è lasciato alla libera improvvisazione ma prevede dei dettagli ben precisi da rispettare per portare avanti la tradizione napoletana.

Serenata napoletana, le origini della tradizione e della dichiarazione ufficiale dello sposo

In passato, la serenata era vista come un momento solenne in cui lo sposo rinnovava pubblicamente il suo impegno al matrimonio compiendo questo atto pubblico dinanzi a familiari e persone care alla sposa. Ovviamente era necessario avere prima l’autorizzazione da parte del padre della sposa nel poter richiedere formalmente la mano della propria figlia.

Con il tempo, questa tradizione mantiene i canoni di rinnovare pubblicamente la propria promessa di matrimonio, ma con una nota romantica che segue lo sposo nella sua dichiarazione d’amore. La tradizione napoletana, prevede la presenza di tre musicisti tra cui un cantante e un chitarrista, che seguono lo sposo durante l’esibizione. La stessa, deve essere preparata almeno con un mese di anticipo e riguardare la scelta delle canzoni da proporre nel corso della serenata. Oltre a coordinarsi con i musicisti, può essere importante la collaborazione degli amici e della famiglia della sposa, per creare una atmosfera unica e un momento tra i più romantici.

L’organizzazione della serenata con musica e persone più care

Ma come funziona esattamente una serenata napoletana? Il giorno prima del matrimonio, il futuro sposo si reca sotto il balcone della sua amata intonando qualche nota della loro canzone d’amore. Lo sposo, però, non è da solo, ma è accompagnato da amici e da musicisti professionisti per ricreare l’area di festa. Vi è inoltre anche la complicità della famiglia della sposa, che inviterà la stessa ad affacciarsi per ascoltare la serenata.

Lo sposo, potrà poi continuare ad intonare la prima canzone scelta per la serenata. Successivamente, lasciarsi affiancare da professionisti della serenata napoletana che eseguiranno più brani in onore della sposa. La tradizione napoletana, vede anche due importanti riti ripetersi in questa dolce dichiarazione. Lo sposo, infatti, dona alla sua amata dei fiori al termine della serenata e quest’ultima, invita tutti gli ospiti a casa sua per un piccolo rinfresco.

Le canzoni più amate in una serenata napoletana

Tante le canzoni che possono essere scelte dallo sposo per una serenata napoletana. Non deve mancare la canzone principale ovvero quella che rappresenta l’inizio della loro storia d’amore e che magari può essere intonata dallo stesso sposo all’inizio della serenata. Poco importa se non si è intonati, perché parliamo di una atmosfera di festa per festeggiare il lieto evento e dove comunque non si è soli nella dichiarazione. Organizzare l’evento con anticipo e con musicisti professionisti (è possibile scegliere anche gli stessi del ricevimento) permette di poter decidere tutto nel dettaglio e di continuare la lieta tradizione per i successivi brani con la complicità di amici e parenti.

Tra le canzoni più quotate per la serenata, 4 sono quelle che ormai trovano una forte collocazione. Ti sposerò perché di Eros Ramazzotti, è tra le primissime scelte e spesso proposte anche al ricevimento. Molto richieste durante una serenata, anche l’emozione non ha voce di Adriano Celentano e Vivo per Lei di Andrea Bocelli. Non mancano anche le canzoni della tradizione napoletana come:

Dicitencello vuje. Dicitencello a ‘sta cumpagna vosta
ch’aggio perduto ‘o suonno e ‘a fantasia,ch’a penzo sempe,
ch’è tutta vita mia. L’ nce ‘o vvulesse dicere, ma nun ce ‘o ssaccio dí… ‘A voglio bene…
‘A voglio bene assaje!

Anema e Core. Nuje ca perdimmo ‘a pace e ‘o suonno, nun ce dicimmo maje pecché?…
Vocche ca vase nun ne vonno, nun só’ sti vvocche oje né’! Pure, te chiammo e nun rispunne
pe’ fá dispietto a me… Tenímmoce accussí: ánema e core…nun ce lassammo cchiù, manco pe’ n’ora…
stu desiderio ‘e te mme fa paura…

Era de Maggio, I’ te vurria vasà e tante altre canzoni, possono essere quindi selezionate per una dolce serenata romantica prima del matrimonio e per una tradizione che ancora oggi è presente per iniziare a festeggiare la felice unione di due sposi.

Leggi anche