10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

Tostapane: 6 consigli per la scelta

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Da utilizzare durante la colazione per avere fette di pane caldo da imburrare o per creare gustosi toast da consumare come spuntino, il tostapane è un piccolo elettrodomestico immancabile nelle case di chi ama fette di pane croccante da ottenere facilmente e in poco tempo. Inventato nei primi anni del ‘900, vede il suo boom negli anni ‘50, quando ne furono creati veri e propri pezzi da collezione dai colori sgargianti, fino ad arrivare ai nostri giorni in fattezze retrò o modernissime. Ma cosa è essenziale da considerare prima dell’acquisto di un tostapane?

Proponiamo di seguito 6 fattori utili da considerare nella scelta del tostapane:

  1. Potenza. La potenza si riferisce alla potenza espressa in Watt del tostapane. Questo è un elemento utile da considerare poichè per una buona tostatura, è necessario che il tostapane sia abbastanza potente.
  2. Capacità. La capacità si riferisce alla massima quantità di toast o di fette di pane che è possibile tostare contemporaneamente. Un elemento utile da considerare se si ha una famiglia numerosa i cui membri al mattino hanno tutti fretta di uscire per andare a scuola o a lavoro.
  3. Pinze. Un tostapane può essere dotato o meno di pinze per la tostatura. Utile è considerare la presenza o meno di pinze perchè solitamente i tostapane dotati di pinze sono piccoli e compatti, utilissimi se si vogliono posizionare come complemento d’arredo in una cucina che però presenta una superficie d’appoggio ristretta.
  4. Forma. I tostapane possono essere di due tipologie: i tostapane verticali, che sono quelli in cui le fette sono posizionate verticalmente nell’ apparecchio per mezzo di fessure; i tostapane orizzontali composti da due piastre per mezzo delle quali il piane viene schiacciato orizzontalmente e tostato. Preferire uno dei due modelli può dipendere da alcuni fattori, come lo spazio ( i tostapane orizzontali occupano più spazio di quelli verticali), la praticità ( i tostapane verticali sporcano meno di quelli orizzontali) lo stile ( i tostapane, sia verticali che orizzontali, possono avere caratteristiche estetiche molto diverse).
  5. Prezzo. Il prezzo fa riferimento ad una comparazione qualità/prezzo utile da definire. Il prezzo difatti può variare molto rispetto alle caratteristiche appena valutate: un tostapane più potente può costare di più rispetto ad uno più capiente, così come un tostapane senza pinze può costare di meno rispetto ad uno che ne è dotato. Tutto dipende dalle esigenze di coloro che comprano.
  6. Stile. Appurate caratteristiche di natura tecnica, la scelta di un tostapane, come di qualsiasi altro oggetto per la propria casa, non può prescindere dai gusti e dalle preferenze degli acquirenti, soprattutto se si pensa al fatto che oggi quasi tutti i complementi d’arredo e i piccoli elettrodomestici vengono scelti in modo tale che le loro fattezze si adattino allo stile della propria casa. Se ad esempio si è scelto per la propria cucina uno stile molto moderno, con un piano cottura a induzione e suppellettili in bianco, si può scegliere un tostapane in acciaio laccato in bianco. Il design dei tostapane oggi è davvero vasto: si possono scegliere tostapane classici, tostapane in colori laccati, tostapane in colori satinati, tostapane piccoli, tostapane impreziositi da brillanti applicazioni, tostapane dal gusto retrò e addirittura tostapane personalizzabili con i personaggi che più si preferiscono insomma: c’è davvero l’imbarazzo della scelta ed è giusto comprare quello che si preferisce.

 

Può sembrare banale, ma anche la scelta di un piccolo tostapane può scatenare mille dubbi. Speriamo quindi di esser riusciti con questi pochi consigli a dare una mano a chi non ha ancora deciso.

Leggi anche