10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

Tradizioni sull’abito sposa, ecco le più originali del nostro territorio

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Diverse sono le tradizioni sull’abito sposa nel nostro territorio. Molte, riguardano soprattutto chi possa vederlo prima delle nozze. Tuttavia, ve ne sono anche altre di più curiose da dover rispettare, come il non guardare la propria immagine riflessa sullo specchio e di indossare un velo regalato da una sposa felice. Il motivo? Iniziare con una buona sorte il matrimonio e nello stesso tempo, creare anche un po’ di mistero sull’abito da indossare, non svelando a nessuno i dettagli.

Perché lo sposo non può vedere l’abito prima del matrimonio?

La tradizione sull’abito più famosa e che non potevano comunque menzionare, riguarda lo sposo. Quest’ultimo, per nessun motivo può vedere l’abito della sua sposa prima del matrimonio. L’origine di questa tradizione, è molto antica e riguardava i matrimoni combinati e l’usanza di non poter vedere l’abito e la sua sposa, per non avere dei ripensamenti improvvisi e cambiare idea una volta visto l’aspetto e conosciuto la promessa sposa.

Ad oggi, si mantiene un maggiore atto di romanticismo, per sorprendere il futuro marito con un vestito unico nel suo genere. Nello stesso tempo, non manca chi ancora lo considera come un gesto che può portare sfortuna e da evitare per iniziare con il piede giusto.

Sempre legato alla tradizione sull’abito, anche il colore del vestito. Rigorosamente bianco, per simboleggiare la purezza dell’unione. Sotto il vestito, è poi possibile indossare una giarrettiera, sempre come simbolo di portafortuna. Giarrettiera, che poi sarà lanciata dallo sposo al termine del ricevimento agli uomini single e chi lo raccoglie sarà fortunato tutto l’anno. Secondo tale tradizione, infatti, è buon augurio possedere un pezzo del vestito della sposa e che ai tempi nostri, è stato poi spostato sulla giarrettiera, indossata comunque tutto il giorno dalla sposa sotto il vestito.

Chi può vedere l’abito della sposa? E con chi è consigliabile farsi accompagnare per la prima prova?

Se la tradizione sullo sposo che non può vedere l’abito, è tra le più conosciute, ti sorprenderà conoscere che ne esistono anche altre molto originali presenti sul nostro territorio. La sposa, ad esempio, tende il più delle volte a non diffondere i dettagli sul suo abito, anche per creare una sorta di mistero e aldilà del simpatico divieto per il futuro marito, non esistono altre superstizioni in merito.

La sposa, inoltre, a sua volta è tenuta a rispettare una tradizione sull’abito da sposa il giorno del matrimonio. In particolare, la stessa non può in nessun caso guardare la sua immagine allo specchio con l’abito o nel caso, togliersi una scarpa, un guanto o un orecchino, prima di poterlo fare.

Anche nella stessa prova d’abito, in genere preferisce essere accompagnata dalla mamma, dalla sorella o da un numero molto limitato di amiche strette. Perché? Puoi scoprirlo in uno nostro articolo sull’argomento e dal nome prova abito sposa come arrivare a questo magico momento preparate.

Altre originali tradizioni sull’abito da sposa e sull’importanza del velo

Altre originali tradizioni sull’abito, riguardano uno dei detti più famosi “sposa bagnata, sposa fortunata”. Ebbene, in caso di pioggia, il suddetto evento non deve essere visto come qualcosa di negativo ma al contrario, è un buon augurio di tanta fortuna e prosperità.

Attenzione, anche ad arricchire il vestito con il velo. Non si tratta, infatti, solo di una scelta di estetica, ma secondo le più importanti tradizioni del territorio, simboleggia la purezza e la protezione contro il malocchio. Inoltre, è di buon augurio anche che lo stesso sia regalato da una sposa felice, senza contare che in alcuni casi, c’è anche chi segue una ulteriore tradizione sulla lunghezza. In pratica, il velo viene acquistato con l’abito da sposa e allungato di ogni metro per quanti sono gli anni di fidanzamento.

Leggi anche