10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

Wok: come sceglierne uno?

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Quando si va ad abitare in una nuova casa si necessita di comprare una serie di elementi essenziali per vivere comodamente: una trapunta, un set di asciugamani da bagno, un materasso, dei cuscini, una tovaglia, una batteria di pentole. E, parlando di batteria di pentole, sappiamo che questa può essere comprata completa oppure essere assemblata comprando i vari elementi. Tra questi ne esiste uno davvero comodo che prende il nome di wok.

Cos’è un wok?

Con la diffusione della cucina orientale il wok è arrivato non solo nei ristoranti ma anche sulle nostre tavole e nelle nostre cucine. Il wok è una speciale padella utilizzata nella cucina cinese. Ha forma semisferica. In origine era dotata di due manici corti. Ora la si trova più facilmente con un solo manico lungo, ma la presenza di un secondo manico la rende più maneggevole. Il wok tradizionale viene forgiato in ferro o in ghisa. Si tratta di una padella piuttosto pesante che ha la caratteristica di trattenere a lungo il calore e di consentire cotture brevi e con poco olio. Il fondo del wok è a diretto contatto con la fiamma. 

Come si usa?

Il wok non si usa soltanto per rosolare rapidamente i cibi o per friggere, ma anche per la cottura al vapore. Infatti il wok di solito è dotato di una griglia da posizionare sulla parte superiore, su cui disporre i cibi adatti a questo particolare tipo di cottura. Il wok nella cucina cinese si utilizza anche per la stufatura degli ingredienti o per addensare le salse. Il vantaggio principale del wok consiste nel cuocere i cibi in modo rapido e con pochi grassi aggiunti.

Quale scegliere?

In commercio esistono wok di diversi materiali, modelli e dimensioni. Ad esempio, è possibile trovare in vendita modelli di wok con coperchio in vetro pyrex, opzione che consente di tenere in caldo i cibi già cotti. Alcuni wok sono rivestiti in teflon, per consentire l’antiaderenza e una pulizia più facile. Ma chi preferisce evitare il teflon e le padelle antiaderenti, dovrà andare alla ricerca si uno wok in acciaio inossidabile, in ferro o in ghisa. Il wok rivestito in teflon è adatto al normale lavaggio in acqua e sapone. Il wok originale, senza strato antiaderente, deve essere passato semplicemente con un panno e lucidato di tanto in tanto con dell’olio da cucina. Si tratta di cure necessarie per proteggere il wok dalla ruggine. Tra i modelli di wok disponibili, il wok in acciaio di carbonio è considerato il migliore, sia perché è poco costoso, sia perché conduce il calore in modo uniforme.

Anche la scelta di un elemento come in wok può causare dei dubbi. Speriamo quindi di essere riusciti nell’articolo a dare le informazioni più chiare possibili a chi volesse comprarne uno.

Leggi anche