10 Euro a Settimana!

Senza Anticipo e senza Busta Paga.
Clicca qui e chiama al +39 388 839 65

Accappatoio: guida alla scelta

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

L’accappatoio è un degli elementi essenziali per un corredo che si rispetti che, di solito, ne prevede almeno una coppia. L’accappatoio, generalmente realizzato in spugna, è una via di mezzo tra un capo di abbigliamento e un asciugamano, che viene utilizzato dopo il bagno o dopo la doccia per asciugarsi. Si tratta di un capo comodo e utile, che dona alla doccia e al bagno quel tocco di benessere in più. Anche se alcuni non lo preferiscono e preferiscono invece asciugarsi con il  telo di solito previsto nei set di asciugamani da bagno, un conto è asciugarsi rapidamente con l’asciugamano, altra cosa è coccolarsi lentamente nel soffice di un accappatoio. Scegliere un accappatoio però non sempre è semplice poichè ci sono diversi elementi da considerare che prenderemo in esame nell’ articolo partendo da delle parole chiave che sono: materiale; fattezze e dimensioni; stile.

Materiale

In commercio esistono accappatoi di materiali diversi. I più comuni sono:

  • Spugna. Gli accappatoi di spugna sono quelli più diffusi in commercio poichè il materiale di cui sono composti è particolarmente assorbente e, in più, molto delicato sulla pelle. Pertanto non solo un accappatoio del genere permette di asciugare perfettamente la pelle mantenendola in salute, ma anche di contribuire a momenti di relax successivi ad un bagno magari dopo una lunga giornata di lavoro;
  • Piquè di cotone. Gli accappatoi che vengono fabbricati con questa fibra tessile a nido d’ape catturano rapidamente l’acqua ma non lasciano sensazioni di bagnato sulla pelle, offrendo una sensazione molto diversa da quella di un tradizionale accappatoio in spugna in quanto è molto più leggero e può essere indossato a lungo per rilassarsi dopo il bagno: sono infatti gli accappatoi più utilizzati nei centri benessere.
  • Lino/Canapa. Con questi materiali si realizzano accappatoio leggeri, prettamente estivi ma che non tutti possono gradire in quanto possono offrire un contatto non eccessivamente morbido con la pelle. Questo tipo di accappatoio va utilizzato per asciugarsi ma va tolto dopo l’asciugatura in quanto queste fibre, soprattutto quando umide, non sono l’ideale per favorire la traspirazione della pelle.
  • Altri materiali. Esistono in commercio altri materiali per la realizzazione di accappatoi, ma hanno una funzione in quel caso più estetica che non funzionale: un accappatoio in seta infatti non ha la stessa capacità assorbente di uno in spugna e, pertanto, viene utilizzato più come indumento che non come oggetto avente una funzione legata al bagno.

Fattezze e dimensioni

Gli accappatoi generalmente possono essere di due tipologie: esistono infatti modelli con il cappuccio e modelli senza cappuccio. I primi sono solitamente preferiti dagli uomini perchè, avendo in genere i capelli corti, indossando il cappuccio per asciugarli comodamente. I secondi invece sono preferiti più dalle donne poichè, avendo loro i capelli lunghi, tendono ad asciugarli con teli e non con il cappuccio: rilevandosi quest’ultimo inutile, tendono allora a scegliere modelli che ne sono sprovvisti. Le dimensioni invece possono essere quelle classiche che si riscontrano in commercio: taglie dalla xs alla xxl differenti a seconda del genere. Gli accappatoi inoltre possono essere lunghi o corti: preferire gli uni o gli altri non incide in nessun modo sulla funzionalità dei modelli stessi, pertanto è tutta una questione di preferenze.

Stile

In commercio esistono oggi accappatoi di tantissimi colori. La scelta del colore pertanto dipende solitamente dai gusti di coloro che acquistano, anche se nel corredo si indica di solito l’acquisto di una coppia di accappatoi bianchi di spugna, funzionali ma anche eleganti. C’è anche chi sceglie le fattezze dei propri accappatoi in base all’arredamento del proprio bagno: essi infatti si ripongono su degli appendini e vengono usati per almeno due bagni prima di andare in lavatrice. Pertanto alcuni preferiscono un accappatoio blu ad esempio se l’arredo del proprio bagno presenta delle piastrelle blu/azzurre, grigio se l’arredo del proprio bagno richiama tonalità fredde, addirittura nero per gli arredamenti minimal moderni.

Può sembrare banale ma anche la scelta dell’accappatoio può proporre dei dubbi. Speriamo pertanto di essere stati d’aiuto a tutti coloro che si accingono a comprare questo immancabile accessorio.

Leggi anche